Educazione sessuale: informarsi e prevenire!

Educazione sessuale: informarsi e prevenire!

Incontro degli esperti dell’Ospedale Betania con gli studenti dell’Istituto Tilgher di Ercolano
Educazione sessuale: informarsi e prevenire! La sessualità è una delle componenti più importanti della vita di un ragazzo e di una ragazza. Negli anni dell’adolescenza nascono i primi amori, si inizia a scoprire il proprio corpo, le sue reazioni, si vivono le prime esperienze sentimentali e sessuali. Il più delle volte accompagnate da dubbi, timori, paure che derivano principalmente dalla mancanza di informazioni. In famiglia di “queste cose” se ne parla poco e gli amici non ne sanno di più.
Proprio per questo la Fondazione Evangelica Betania promuove incontri sull’educazione alla sessualità nelle scuole. Come il seminario tenuto all’Istituto comprensivo Tilgher di Ercolano dove un team di esperti dell’Ospedale Betania ha incontro oltre 200 ragazzi per parlare con loro di sessualità e fare una corretta informazione.
 
L’incontro introdotto dal prof. Salvatore Noto, docente dell'Istituto, è iniziato con i saluti del dott. Francesco Messina, Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Evangelica Betania e dell’Ospedale. Poi ha preso la parola la dott.ssa Annalisa Agangi, ginecologa che è entrata subito nel vivo iniziando a parlare delle parti del corpo riconducibili alla sfera sessuale. La Agangi ha spiegato come si trasforma il corpo nel periodo dell’adolescenza illustrando l’anatomia degli organi sessuali e la loro funzionalità, per chiudere poi con funzionamento del ciclo mestruale, spiegandone la regolarità e come individuare i segnali di anomalie.

Sul tema, nonostante il pudore dei ragazzi e delle ragazze, smorzato a tratti anche dall’ilarità, c’è stata una grande interazione tra gli studenti e gli esperti.  
Uno dei temi più delicati per i ragazzi, quella dei rapporti protetti, è toccato al dott. Francesco La Rezza, anche lui ginecologo, che ha parlato dei metodi contraccettivi, di come sceglierli e come distinguerli.
 
La prevenzione ha a che fare molto anche con l’igiene intima. Molte infiammazione, le infezioni genitali e le malattie sessualmente trasmissibili, nella gran parte dei casi dipendono dalla mancanza di attenzione all’igiene. Tema affrontato dalla dott.ssa Assia Piccolo, ostetrica, che ha spiegato quali sono i sintomi che il nostro copro manifesta e che dobbiamo imparare a riconoscere e sentire, e quali precauzioni poter seguire.
In particolare la Piccolo, per una corretta igiene intima, ha consigliato lavaggi quotidiani con prodotti adatti e asciugamani personali. Molto importante anche la scelta della biancheria intima: è preferibile utilizzare slip in cotone bianco. Se si indossano indumenti intimi sintetici è consigliabile alternarli sempre con quelli in cotone. Bisogna, inoltre, fare molta attenzione nei luoghi pubblici come la piscina, la sabbia delle spiagge e ovviamente l’uso dei wc pubblici. Nella prevenzione delle infezioni genitali è sempre consigliabile l’utilizzo del condom (l'unico a proteggere dalla MST). Per le ragazze è molto importante sottoporsi ad una visita ginecologica annuale da quando si inizia ad avere un’attività sessuale regolare e almeno ogni 3 anni fare un Pap-test. Nel caso di manifestazione di infezioni genitali è sempre bene eseguire un tampone genitale
 
Conclusioni affidate al dott. Francesco Messina, neonatologo, che, rivolgendosi ai ragazzi, ha parlato dell’importanza di un corretto stile di vita in questa età, sia sul piano sessuale ma anche alimentare, ricollegandosi anche all’incontro precedente. Una vita sregolata oggi influenzerà l’eventuale genitorialità futura. Messina è tornato, anche in quest’incontro, sull’epigenetica. Questo termine è usato per descrivere tutte quelle modificazioni ereditabili che variano l'espressione genica pur non alterando la sequenza del DNA. Il futuro di un bambino comincia prima ancora del concepimento. 
 

 

Condividi