L’assistenza ai neonati Late preterm

L’assistenza ai neonati Late preterm

Sono i nati di età gestazionale compresa tra la 34° e la 36° settimana e 6/7 con un rischio superiore, rispetto ai nati a termine, di sviluppare problematiche post natali e devono essere seguiti con attenzione.
L’assistenza ai neonati Late preterm Grazie alla collaborazione della Chiesa Luterana e della Fondazione Evangelica Betania unitamente alla disponibilità e l’impegno del reparto di neonatologia nelle sue componenti medico-infermieristiche e dirigenziali, nel nostro Ospedale è attivo l’ambulatorio infermieristico per i neonati late preterm (LP). L’iniziativa rappresenta un’attività innovativa, non tanto nell’esperienza della professione, quanto nella continuità di assistenza offerta ai possibili utenti.

I LP sono neonati di età gestazionale compresa tra la 34° e la 36° settimana e 6/7. Rappresentano una categoria di neonati con proprie peculiarità, in particolare risultano avere un rischio superiore, rispetto ai nati a termine, di sviluppare problematiche post natali come: instabilità nella termoregolazione, ipoglicemia, distress respiratorio, ittero, difficoltà nell’alimentazione e problemi neurologici più frequenti e più prolungati. Necessitano, pertanto, di un’attenta sorveglianza al momento del parto, nel periodo perinatale e nel periodo post-dimissione che deve prevedere un’adeguata valutazione del loro sviluppo auxologico, neuropsicologico e l’eventuale identificazione di problematiche legate all'alimentazione e alla crescita. Per queste ragioni è nata l’esigenza di organizzare un programma di follow-up che consenta di effettuare una dimissione precoce, riducendo così i costi di una degenza prolungata e garantire la prosecuzione dell’assistenza e delle cure dopo la dimissione sostenendo il bambino e la sua famiglia nel percorso di crescita.

L’ambulatorio è gestito da alcune infermiere pediatriche della TIN che valutano la modalità di crescita e di alimentazione del bambino, i parametri cardiocircolatori, la saturazione e l’interazione dei genitori con il loro bambino e viceversa. Alla luce dei buoni risultati ottenuti dai primi mesi di lavoro la speranza futura e di poter includere nel progetto anche i neonati a termine afferenti alla neonatologia del nostro Ospedale.
 
* Infermiera Pediatrica dell’UOC Neonatologia e TIN
 

 

Condividi