L’Ospedale Betania esempio efficace di ecumenismo secondo il Comitato nazionale tedesco della LWF

L’Ospedale Betania esempio efficace di ecumenismo secondo il Comitato nazionale tedesco della LWF

L’Ospedale Betania esempio efficace di ecumenismo secondo il Comitato nazionale tedesco della LWF I luterani tedeschi apprezzano molto il lavoro fatto negli ultimi anni dalla Fondazione Evangelica Betania a Napoli con l’Ospedale Evangelico Betania. Lo ha confermato il Comitato Nazionale Tedesco (CNT) della Federazione Luterana Mondiale (FLM) nel corso della visita compiuta presso il nostro ospedale, ultima tappa del viaggio in Italia dal 2 al 7 giugno della delegazione guidata dal Presidente Gerhard Ulrich, Vescovo della Germania del Nord,da Karl-Hinrich Manzke  Vescovo dello Schaumburg-Lippe e responsabile per i rapporti con la Chiesa cattolica della VELKD associazione delle Chiese evangeliche in Germania e da Norbert Denecke membro esecutivo della Chiesa regionale della Germania del Nord e amministratore delegato del DNK / LWF.

Il gruppo che ha visitato l’ospedale ha molto apprezzato il lavoro che svolgiamo quotidianamente in una delle zone più difficili della Campania e anche dell’Italia. Esprimendo consensi per gli ambulatori solidali, i progetti di prevenzione per le donne migranti, Rom, del territorio. Nel corso della visita al nostro ospedale la delegazione tedesca ha incontrato il Presidente, il Consiglio Direttivo ed il  management, che gli hanno presentato le finalità evangeliche ,i progetti sociali ed il programma sanitario, con i risultati raggiunti ma anche le criticità. In particolare  ci si è soffermati con i primari di senologia, ginecologia e ostetricia e quelli della Terapia Intensiva Neonatale (TIN).
 
La FLM è la più grande comunione ecclesiastica luterana al mondo, con oltre 74 milioni di fedeli e 145 comunità in 98 nazioni, mentre il CNT rappresenta le dodici chiese germaniche che aderiscono alla Federazione Luterana Mondiale e che comprendono circa 11,5 milioni di credenti.
 
Prima di recarsi presso il nostro ospedale, la delegazione guidata da Gerhard Ulrich, vescovo della Germania del Nord, ha avuto alcuni colloqui ecumenici in Vaticano, con Papa Francesco, in udienza privata, e con il Monsignore Dr. Matthias Tuerk, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, e l’arcivescovo Luis Ladaria, presidente della Congregazione per la Dottrina della Fede e diversi incontri tra cui quello con la CELI (la Chiesa Evangelica Luterana in Italia) e alcune sue comunità.
 
Siamo davvero lieti di questa visita che ribadisce, se mai ce ne fosse bisogno, i profondi e fraterni rapporti tra il luteranesimo in Italia e quello in Germania. E siamo ancor più lieti che i nostri incontri si svolgeranno in concomitanza con i colloqui che il Comitato Nazionale Tedesco della FLM ha in programma con la Chiesa Cattolica Romana: sono questi, infatti, espressione di un sentimento e di un impegno ecumenico che accomuna i luterani italiani, tedeschi e di ogni altra parte del mondo.
 
Dopo la visita in Vaticano, in cui si sono incontrati i capi delle due chiese ( il Papa e il Vescovo della Dnk) per Il prosieguo del dialogo tra la chiesa luterana e la chiesa cattolica dopo la riconciliazione sancita durante la celebrazione del 500 anniversario della Riforma luterana.
La visita del CNT in Italia è molto significativa perché rafforza il dialogo e la volontà di lavorare assieme tra le due chiese. Un segnale che ho colto anche durante l’incontro con Papa Francesco, leggendo anche sul suo volto l’assenso alle parole del vescovo tedesco sui temi della di impegno reciproco.
Il pensiero della Riforma deve essere d esempio per il percorso “ecumenico “ da fare insieme per superare le divergenze fino alla concreta e visibile unità tra le Chiese. 
Un percorso, peraltro, avviato già da tempo nel nostro Ospedale, dove c’è massima collaborazione tra le chiese protestanti che, anche grazie ai fondi “8 X 1000”  e “5 X1000” (donati chiese e dei cittadini ) possono realizzare iniziative di Sanità Solidale.  

* Vice Presidente Fondazione Evangelica Betania
 

 

Condividi