Unità Operativa Complessa di Emergenza-Urgenza

Unità Operativa Complessa di Emergenza-Urgenza

Il Pronto soccorso, oggi Unità operativa complessa di emergenza-urgenza, è il reparto dell'ospedale dedicato al trattamento dei casi di emergenza sanitaria. Nel Pronto Soccorso vengono prestate le prime cure in tutti i casi di urgenza ed emergenza. 

 

Accesso al Pronto Soccorso: il sistema del Triage

L'accesso al Pronto Soccorso non avviene sulla base dell'ordine di arrivo dei pazienti ma sulla gravità delle loro condizioni valutata attraverso il "triage", un sistema utilizzato per valutare la gravità e l’urgenza della patologia del paziente. Secondo questo metodo i soggetti che si recano al Pronto Soccorso vengono suddivisi in classi di urgenza/emergenza crescenti, in base alla gravità delle lesioni riportate o del loro quadro clinico, rappresentato da un "codice colore":

  • codice rosso che corrisponde a emergenza con accesso immediato alla sala;
  • codice giallo (o "urgenza"), con accesso alla sala entro 10-15 minuti;
  • codice verde (o "urgenza differibile") cioè senza segni di imminente pericolo di vita;
  • codice bianco o ("non urgenza") che in alcuni casi richiede il pagamento del ticket previsto dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN). 
     

Procedura di accesso al Pronto Soccorso

All'arrivo in Pronto Soccorso verrete accolti da un infermiere professionale che Vi porrà alcune domande, al fine di raccogliere informazioni importanti sul Vostro stato di salute. In tal modo, valutate le principali funzioni vitali, l'infermiere Vi assegnerà un codice di priorità per l'accesso in Pronto Soccorso. Questa accoglienza è detta TRIAGE.

In relazione al codice di gravità assegnato:

  • aspetterete in sala d'attesa
  • entrerete in sala triage
  • verrete accompagnati direttamente nelle sale di emergenza.
 
CODICE ROSSO - Sono i casi più gravi, con pericolo di vita immediato. Il Pronto Soccorso blocca la propria attività e si prepara a ricevere il paziente approntando l'ambulatorio a maggiore tecnologia disponibile.
 
CODICE GIALLO - Pazienti con lesioni gravi per i quali può essere presente l'alterazione di una delle tre grandi funzioni vitali (respiratoria, cardiocircolatoria, nervosa). I tempi di attesa sono ridotti al minimo.
 
CODICE VERDE - Il paziente non è in pericolo di vita e viene assistito dopo i casi più urgenti.
 
CODICE BIANCO - Sono i casi meno gravi che, in generale dovrebbero essere risolti dal medico di famiglia. I pazienti vengono comunque assistiti, ma dopo i casi più urgenti.
 
 
La Sala d'attesa
Qui si attende per essere chiamati nelle varie stanze del Pronto Soccorso. E' una sala protetta dove l'infermiere di triage assicura un controllo sanitario continuo.
 
 
La Sala triage
Qui troverete un infermiere professionale che 
  • valuterà i vostri parametri vitali, secondo protocolli operativi standardizzati a livello internazionale ed approvati dalla Direzione Salitaria dell'ospedale. 
  • eseguirà, se necessario, prelievi ematici ed elettrocardiogramma ed inizierà una terapia su input del Medico.

 

Il Punto giallo

In questa postazione è possibile stabilizzare un paziente critico non in immediato pericolo di vita. Punto rosso Qui si valutano e si trattano quei pazienti in condizioni cliniche gravi che possono creare pericolo di vita.

 

Obiettivi dell'Unità di Emergenza Urgenza:

  • Assicurare adeguati livelli di assistenza nell'emergenza, tramite una formazione specifica ed interdisciplinare, utilizzando linee guida diagnostico-terapeutiche sottoposte a verifica periodica.
  • Assicurare collegamenti tra le strutture deputate all'emergenza come la Centrale Operativa, i Pronto Soccorso Ospedalieri, i DEA situati nel territorio.
  • Valutare la qualità dell'assistenza (mediante l'utilizzo di indicatori).
  • Sviluppare l'aggiornamento del personale con un processo formativo specifico. Verificare e valutare costantemete l'appropriatezza delle risorse.
  • Contribuire all'educazione, alla salute dei cittadini del territorio di riferimento per un corretto uso del sistema dell'emergenza sanitaria.
  • Sviluppare un sistema di risposta all'emergenza intraospedaliera che definisca l'iter formativo, i protocolli di attivazione e risposta, la verifica dei risultati. 
     

Primario: dott. Antonio Sciambra