IL LAVORO A MAGLIA È TERAPEUTICO PER LE DONNE IN DIFFICOLTÀ

IL LAVORO A MAGLIA È TERAPEUTICO PER LE DONNE IN DIFFICOLTÀ

La Fondazione Evangelica Betania adotta e sostiene il progetto dell'associazione Gomitolo Rosa
IL LAVORO A MAGLIA È TERAPEUTICO PER LE DONNE IN DIFFICOLTÀ Lavorare a maglia aiuta a recuperare il benessere psico-fisico delle persone, soprattutto le donne malate. Molti pensavano che fosse un’attività ormai scomparsa, e invece l’associazione Gomitolorosa onlus l’ha trasformata in un progetto terapeutico e allo stesso tempo di solidarietà.
E la Fondazione Evangelica Betania l’ha sposato e lo sostiene anche attraverso un protocollo d’intesa sottoscritto dalla presidente Cordelia Vitiello e dal presidente dell’associazione Alberto Costa al termine del convegno “Salute individuale, benessere ambientale e solidarietà sociale: il caso del recupero della lana”. La presidente della Fondazione e dell’Ospedale Betania ha portato la sua testimonianza e l’esperienza del nostro ospedale, alla Giornata di studio che si è tenuta mercoledì 27 marzo a Roma presso l’UPCM Salvator Mundi, International hospital.
 
Crediamo che il lavoro a maglia, nonché fare dono dei prodotti realizzati dai volontari dell’associazione alle nostre pazienti, possano rappresentare una modalità di aiuto alle donne in difficoltà”, afferma Cordelia Vitiello, presidente dell’Ospedale Evangelico Betania – “Da oltre 50 anni l’Ospedale Betania ha cercato di coniugare la solidarietà con l’efficienza e l’umanizzazione con l’eccellenza medica e scientifica e da quasi dieci anni, proprio in questa ottica,  è attivo il progetto de “L’ospedale solidale”, con cui sosteniamo la prevenzione delle patologie femminili ed in particolare quelle oncologiche, soprattutto verso le donne più deboli e quelle emarginate offrendo servizi e sostegno psicologico sul fronte dell’ostetricia, la ginecologia e la senologia. Le donne con maggiori difficoltà di accesso alle prestazioni specialistiche per problemi sociali, economici e familiari, possono quindi ricevere visite, ecografie, prelievi ematochimici e mammografie, senza spesa alcuna. In questa ottica nasce la collaborazione con l’associazione Gomitolo Rosa, in particolare a supporto della nostra Unità Operativa Semplice di Senologia”, conclude Vitiello.
 
La Fondazione Betania e l’associazione Gomitolorosa collaboreranno alla realizzazione del progetto “Il filo che unisce” che vedrà l’Ospedale come progetto solidale 2019 scelto da Gomitolorosa per la campagna di solidarietà con le associazioni e i gruppi di lavoro a maglia ai quali donerà la lana e chiederà la realizzazione di manufatti a favore delle pazienti oncologiche dell’Unità operativa di senologia dell’ospedale. L’accordo prevede l’impegno reciproco alla realizzazione dei laboratori di Knitting Therapy, con il coinvolgimento delle pazienti, dei/delle volontarie, delle chiese fondatrici e degli enti presenti sul territorio che si dimostreranno sensibili a collaborare. 
 
Gomitolorosa recupera la lana autoctona italiana in sovrapproduzione, che altrimenti verrebbe bruciata, ai fini della salvaguardia dell’ambiente e crea gomitoli in 13 differenti colori associati ad alcune patologie. Sostiene il lavoro a maglia, terapeutico per il recupero del benessere psico-fisico delle persone, e produce diversi manufatti che dona per favorire la solidarietà verso soggetti più deboli. Collabora con associazioni e gruppi amatoriali di lavoro a maglia su tutto il territorio nazionale.
 

 

Condividi